News

Continua l’impegno di IBSA contro la contraffazione dei farmaci

06 giugno 2022

Torna per il secondo anno “Insoliti sospetti, ti fidi davvero di loro?”, la campagna di IBSA contro il fenomeno della contraffazione dei farmaci. 
La campagna, arrivata tra i 6 finalisti su 84 candidature al Premio Digital Awards - AboutPharma nella categoria "Comunicazione verso il cittadino, il medico e il paziente", quest’anno si rinnova e acquista ancora più valore nella sensibilizzazione del paziente. Una vera e propria crime serie di 4 episodi sarà infatti promossa con campagne social e adv al pubblico, per raccontare la storia della banda degli Insoliti sospetti, famigerati delinquenti abili nella contraffazione dei farmaci, braccati dalla polizia e dalle incessanti indagini investigative.

Le avventure di Mr. Mask, Ray, Black Cap e Mrs. Venice, commentate da clinici esperti, in pochi minuti mettono in guardia il pubblico attraverso un messaggio chiaro ed efficace: fare attenzione a quello che si acquista e, per la propria salute, non affidarsi mai ai farmaci contraffatti. La falsificazione dei farmaci si muove in un mercato globalizzato e illegale che riesce a prosperare perché rimane sommerso e poco tracciabile. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), un farmaco su 10 nei paesi a basso e medio reddito è al di sotto dello standard di produzione o falsificato, con un giro di affari 25 volte superiore a quello delle sostanze stupefacenti.
 

Il primo video è dedicato proprio alla sicurezza del farmaco, protagonista Mr. Mask, malvagio chimico che produce farmaci senza rispettare le buone norme di fabbricazione. In chiusura l’intervento del Prof. Aurelio Sessa, Presidente SIMG Lombardia, spiega i rischi per la salute per chi acquista farmaci senza sapere da dove arrivano.

I farmaci contro la disfunzione erettile, in particolare, rientrano tra quelli più facilmente reperibili nei canali di vendita non autorizzati e si posizionano al secondo posto tra quelli intercettati più frequentemente dai sequestri doganali. Secondo il report AIFA 2018, costituiscono ben il 60%-70% del totale dei farmaci contraffatti in Italia.

I rischi per la salute a cui i cittadini si espongono senza esserne consapevoli, utilizzando farmaci contraffatti, hanno spinto IBSA a sostenere la nuova campagna 2022 contro la contraffazione dei farmaci. 

Un farmaco contraffatto può contenere principi attivi diversi o presenti in quantità differenti da quelle dichiarate nelle confezioni e nei foglietti illustrativi, oppure non contenere affatto il principio attivo; in qualsiasi caso si tratta di medicinali di scarsa qualità e sicurezza in quanto la produzione e la distribuzione non avvengono in conformità agli standard GMP (norme di buona fabbricazione) e GDP (norme di buona distribuzione). L’utilizzo di un farmaco contraffatto comporta quindi potenziali rischi per la salute sia per la mancata attività terapeutica, che per i possibili eventuali effetti collaterali.

 

Fonti

1.Allarme Oms sui farmaci contraffatti: 1 su 10 nei paesi a basso reddito è falso. Antibiotici e antimalarici tra i più comuni, In Quotidiano Sanita, Scienza e farmaci, 2017

2.Collins Fantasia H and Vooys KM. Nurs Womens Health. (2018); 22(3):264-268

 

Condividi sui tuoi canali social