In base ai risultati di una ricerca effettuata da Gfk Eurisko, oggi la metà degli italiani cerca sul web informazioni sulla salute, e la percentuale sale a 2/3 nella fascia d’età 25-55 anni; in generale, Internet rappresenta il secondo riferimento dopo il medico per il 74% delle persone.

Una riflessione su questi significativi dati è arrivata dall’incontro, promosso da Fondazione IBSA, “La salute in rete: progresso o pericolo?”, tenutosi il 18 novembre 2015 all’Università “Sapienza” di Roma, e al quale hanno partecipato esperti della stessa Università, dell’Istituto Superiore di Sanità e di Aifa - Agenzia Italiana del Farmaco.

Al centro del dibattito l'affidabilità delle fonti online in un ambito delicato come l'e-health, e l'atteggiamento degli utenti rispetto alle informazioni reperibili in rete. Come evidenziato da Silvia Misiti, Direttore di IBSA Foundation, se le nuove tecnologie stanno modificando l’approccio del paziente alla salute, al medico e alla sua professionalità spetta comunque un ruolo “fiduciario” di accompagnamento all’interno del percorso terapeutico. L’esigenza è resa evidente dal fatto che il 63% dei pazienti si rivolge in ogni caso al proprio medico dopo la ricerca sul web.

Una sfida importante e complessa, quella della salute sul web, che la Fondazione IBSA – da sempre impegnata nel creare reti di relazione che coinvolgano specialisti, istituzioni e cittadini – e IBSA Farmaceutici raccolgono per contribuire a divulgare una maggiore consapevolezza e sensibilità nell’uso della rete.


Ritornano i “Percorsi di crescita interiore”, l’esperienza formativa riguardante la sfera dell’etica professionale che da maggio scorso vede coinvolto un selezionato gruppo di manager di IBSA Farmaceutici Italia.

Nella suggestiva cornice di Solanas (CA), dal 16 al 18 novembre, i manager saranno coinvolti in una nuova tappa del proprio personale percorso di riflessione e presa di consapevolezza e non solo: questi tre giorni saranno l’occasione per contribuire attivamente al progetto di rinnovamento culturale che IBSA sta realizzando al proprio interno e di cui questo di Solanas è il secondo momento.

IBSA è un’impresa che si impegna a valorizzare e far crescere le persone, aiutandole a sviluppare la capacità di agire, nella vita dell’impresa, con spirito di iniziativa e responsabilità – spiega Enzo Lucherini, Direttore Commerciale di IBSA Farmaceutici Italia e promotore dell’iniziativa – Per questo abbiamo pensato a esperienze formative riguardanti la sfera dell’etica professionale. I percorsi di crescita interiore consentono, infatti, di distaccarsi dal quotidiano e intraprendere un personale percorso di consapevolezza, contemporaneamente coinvolgendo tutti noi di IBSA nel percorso di rinnovamento valoriale dell’azienda”.

Anche questo secondo appuntamento è curato della Scuola di Meditazione dei Padri Gesuiti di Cagliari e della società di consulenza Heritage House Reputation Architects. Nel ruolo di accompagnatore e guida interverrà nuovamente Padre Davide Magni SJ, coordinatore del corso e mindfulness counsellor a livello internazionale.


“Persegue l’eccellenza di prodotto sviluppando farmaci nella forma migliore e rinnova l’approccio terapeutico prendendosi cura dell’integrità della persona”
IBSA Italia ripensa i propri valori e la mission aziendale: un processo prezioso per focalizzare al meglio la propria identità come organizzazione. Non solo: i nuovi valori aziendali diventano ispirazione concreta nell’orientare i comportamenti delle persone e quindi il raggiungimento degli obiettivi aziendali. Un vero e proprio rinnovamento scientifico ma soprattutto culturale. Per approfondire, clicca qui


Il 12 novembre si svolgerà in tutta Italia la quarta edizione della Giornata Nazionale "IL MIO NASO RIBELLE", evento promosso da AICNA (Accademia Italiana di Citologia Nasale) con l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sull’importanza della prevenzione, della diagnosi e del trattamento delle riniti vasomotorie non allergiche. Queste ultime sono patologie di difficile identificazione, diagnosticabili soltanto mediante un test di citologia nasale, esame semplice e indolore rivolto all’analisi delle cellule presenti nella mucosa nasale.

La Giornata offre l’opportunità a tutti di conoscere meglio queste rinopatie, effettuando anche un test citologico nasale gratuito presso i Centri Rinologici che hanno aderito all’iniziativa, consultabili sul sito dell’AICNA.

Un’iniziativa che rappresenta un contributo prezioso ai progressi scientifici di un’area terapeutica complessa come quella otorinolaringoiatrica, soprattutto per quanto concerne il distretto nasale, spesso considerato, da un punto di vista medico, la “cenerentola” del nostro corpo.