Continua con l"edizione estiva" la Campagna di informazione SIEDP - Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica - per prevenire la carenza di iodio in pediatria. L’iniziativa, presentata a Milano in occasione di un press dinner rigorosamente a base di alimenti “ricchi” di iodio, prevede la diffusione di una serie di indicazioni pratiche per la corretta assunzione di iodio attraverso la dieta.

"La Campagna nasce per rispondere alle esigenze emerse dai dati OSNAMI, Osservatorio Nazionale per il Monitoraggio della Iodoprofilassi in Italia e dell’Istituto Superiore di Sanità, che indicano come il nostro Paese sia ancora a carenza iodica; risultati importanti che sensibilizzano la popolazione sull’importanza di una corretta assunzione di iodio per evitare i rischi di deficit cognitivi dei bambini che nascono con carenza iodica e di quelli delle donne di contrarre malattie della tiroide", afferma il Prof. Mohamad Maghnie, Presidente SIEDP.

Tuttavia, oggi in forma sempre crescente, la carenza di iodio può essere dovuta anche alle"diete di esclusione", che portano a stili alimentari carenti di iodio, come nel caso dei vegani, in cui il rischio aumenta notevolmente: la loro dieta esclude i cibi di derivazione animale che contengono una buona quantità di iodio. "Anche gli allergici vanno incontro agli stessi rischi", spiega il Dott. Roberto Gastaldi, Endocrinologia Pediatrica all’Istituto Giannina Gaslini di Genova, "le allergie più diffuse sono verso pesce, crostacei, uova e latte, proprio gli alimenti in cui si trova lo iodio. Altra situazione a rischio carenza riguarda chi segue diete restrittive o gli adolescenti che tendono ad avere un’alimentazione squilibrata. In tutti questi casi, è importante controllare i valori di iodio e tiroide ed eventualmente ricorrere ad integratori".

IBSA rinnova il proprio impegno nella promozione di prevenzione e corretti stili di vita, sostenendo il prosieguo estivo della campagna SIEDP, iniziata lo scorso ottobre e realizzata nelle scuole sul territorio nazionale.

Scarica la locandina


Dalla collaborazione tra il Ministero della Salute e Sapienza Università di Roma, nasce la Campagna di comunicazione Futuro Fertile per la promozione della cultura della prevenzione della fertilità nella popolazione in età fertile; lo slogan dell'iniziativa è “Figli si nasce, Genitori si diventa". Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, circa una coppia su cinque scopre di avere difficoltà a concepire nel momento in cui decide di metter su famiglia.  Attraverso una serie di strumenti, Futuro Fertile parlerà di prevenzione: videopillole, video informativi, spot radio per le emittenti pubbliche della Rai e i circuiti nazionali commerciali; ma l’aspetto più innovativo è lo Sportello amico fertilità, uno spazio online che permette il contatto diretto e riservato con il cittadino. A corollario, l’organizzazione di spazi di incontro ed eventi educativi rivolti alla popolazione in generale, con lo scopo di diffondere informazioni, e l’allestimento di appositi stand all’interno di quattro importanti Università: Sapienza Università di Roma, Università Federico II di Napoli, Università degli Studi di Firenze e Università degli Studi di Padova.

Vai alla campagna del Ministero della Salute “Futuro Fertile”


Con il patrocinio della Società Italiana di Urodinamica, IBSA Farmaceutici Italia lancia Uro Note, il primo diario minzionale per dispositivi mobili, comodo da utilizzare, a casa o al lavoro, e facile come scrivere un sms.

L’applicazione è l’evoluzione di uno degli strumenti più utilizzati dai medici per l’elaborazione di diagnosi e trattamenti dei disturbi urinari.

Infatti, Uro Note è perfettamente a portata di mano: senza necessità di altri dispositivi, è sempre a disposizione nel proprio device mobile.

E’ affidabile, immediato, e favorisce la relazione istantanea paziente-medico perché le annotazioni possono essere inviate per e-mail al medico di fiducia, senza necessariamente doversi recare in ambulatorio.

Facile e veloce, ma soprattutto discreto e pratico: Uro Note pone fine ai fogli volanti del diario cartaceo, che rischia di essere dimenticato o smarrito.

Disponibile gratuitamente su App Store e Google Play, per smartphone e tablet.


Aggiornamento rapido, immediato, autorevole. Questo quello che chiede il medico italiano. E come sempre IBSA Italia risponde alle esigenze dei propri “follower” avviando il servizio di live twitting, la diretta via Twitter dai principali eventi scientifici.  Relazioni, interventi, pubblicazioni ma anche immagini: tutto in diretta direttamente su smartphone e tablet, anche e soprattutto per chi non può partecipare all’evento.

Il servizio verrà lanciato in occasione del 38° Congresso Nazionale della Società Italiana di Urodinamica, in programma a Bari dal 18 al 20 giugno.

Per partecipare alla diretta: @IBSAItalia


L’Organizzazione Mondiale della Sanità, in prima linea da tempo sul fronte della lotta alle resistenze batteriche, ha recentemente varato un piano d’azione biennale rivolto agli Stati membri; una sorta di guida in 5 punti da perseguire per raggiungere entro il 2017 alcuni fondamentali obiettivi finalizzati a contrastare l’avanzata di questo delicato problema.

Quali?
- Migliorare la conoscenza dei meccanismi di resistenza
- Rafforzare la ricerca
- Ridurre l’incidenza delle infezioni
- Ottimizzare l’uso dei farmaci
- Garantire investimenti sostenibili.

Nel corso della riunione di approvazione del piano, si è discusso in particolare della forma di resistenza più subdola e pericolosa, ovvero quella agli antibiotici, e i vari Governi si sono impegnati a mettere in atto il piano entro la data prevista, utilizzando ogni risorsa disponibile.
Tra le modalità di attuazione del Piano, si è parlato più specificamente della delicata relazione tra salute umana e impiego dei farmaci antimicrobici negli allevamenti e in agricoltura.
Un’ulteriore risoluzione dell’OMS si è occupata infine di garantire il miglioramento dell’accesso mondiale alle vaccinazioni a costi sostenibili, anche per i Paesi a basso reddito; operazione fondamentale per ridurre la mortalità infantile, con l’obiettivo del 2.020 come data in cui ogni abitante del pianeta potrà disporre delle vaccinazioni fondamentali.