Per la prima volta dal 4 al 6 Maggio, a Solanas (CA), un selezionato gruppo di manager di IBSA Farmaceutici Italia sarà coinvolto in un’esperienza formativa riguardante la sfera dell’etica professionale.

Nel corso del seminario “Percorsi di crescita interiore”, a cura della Scuola di Meditazione dei Padri Gesuiti di Cagliari e della società di consulenza Heritage House Reputation Architects, i partecipanti avranno l’occasione di vivere un importante momento riflessione, fondamentale per distaccarsi dal quotidiano e intraprendere un personale percorso di consapevolezza.

“Noi tutti healthcare professionists siamo chiamati ad operare in un mercato difficile che ha al centro la cura dell’uomo e dunque della fragilità umana – spiega Enzo Lucherini, Direttore Commerciale di IBSA Farmaceutici Italia e promotore dell’iniziativa – per questo la consapevolezza di noi stessi e del ruolo che ogni giorno ricopriamo è fondamentale”.

I manager, nel corso dei tre giorni, saranno accompagnati e guidati da Padre Davide Magni SJ, coordinatore del corso e mindfulness counsellor a livello internazionale, il quale aiuterà ciascuno di loro ad accedere alla propria originalità personale, indispensabile per accrescere l’individuale capacità di essere promotori del bene.


L’8 aprile 2015 a Milano, la conferenza stampa organizzata da IBSA, dal titolo “Resistenze batteriche in otorinolaringoiatria e in urologia: cosa è già possibile fare?” si è affrontato il delicato tema delle alternative all’uso degli antibiotici per il trattamento delle infezioni batteriche.

Secondo i dati raccolti in 114 Paesi e pubblicati nel 2014 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel “1° Rapporto Globale sulla resistenza antimicrobica”, il problema rappresenta una seria minaccia per la salute generale.

Il rischio di dover affrontare nel prossimo futuro un’era “post-antibiotica” a causa dello sviluppo di ceppi batterici sempre più resistenti, può essere scongiurato solo con la prevenzione e l’informazione, soprattutto mirata a un utilizzo consapevole degli antibiotici.

Il problema principale è infatti l’abuso di questa classe di farmaci, soprattutto in otorinolaringoiatria e urologia: come rilevato dall’Agenzia Italiana del Farmaco - AIFA - nel rapporto OSMED 2013, ne viene fatto un uso inappropriato nel 49,3% delle laringotracheiti e nel 36,3% delle cistiti.

È proprio in queste due aree terapeutiche che IBSA mette in campo da anni tutto il suo impegno per offrire nuovi strumenti in risposta alla crescente resistenza batterica. In particolare, i trattamenti a base di acido ialuronico si sono dimostrati efficaci nel miglioramento della funzionalità della mucosa nasale e nel prevenire le infezioni delle vie respiratorie, ma anche di quelle urinarie, grazie alla ricostruzione delle barriere difensive della vescica.

L’enorme vantaggio di queste terapie consiste nella possibilità di somministrazione per lunghi periodi senza effetti collaterali.

Scarica il comunicato stampa